Direttrice

Direttrice – Cartoni animati e Stereotipi di Genere

cartoni animati e stereotipi
Tempo di lettura 2 minuti

I bambini e le bambine passano circa 2 ore e mezza ogni giorno a guardare cartoni animati[1]: cosa imparano da quello che vedono in TV? Se è vero che i cartoni di oggi hanno – fortunatamente – ben poco in comune con i cartoni di 80-90 anni fa, è anche vero che continuano a trasmettere molti messaggi negativi: da svariati studi è evidente che la TV per bambinɜ sia ancora infarcita di stereotipi di genere, disuguaglianze e una rappresentazione poco inclusiva di tutti e tutte.

Infatti, secondo un report su circa 25439 personaggi televisivi, solo il 32% dei personaggi umani è di genere femminile, mentre nei soggetti non umani la rappresentazione femminile scende al 13% [2].

Da un’altra analisi sui film per bambinɜ usciti al cinema tra il 1999 e il 2005 emerge che solo 28% dei ruoli parlanti era assegnato a personaggi femminili[3].

E ancora, vi siete mai chiestɜ perché tutte le principesse Disney hanno una “baby face”, ossia occhi enormi, naso piccolo, labbra sottili e guance paffute? Moltɜ studiosɜ sì, concludendo che questo tipo di fisionomia trasmetta più ingenuità, onestà, gentilezza e calore. [4]

La puntata di oggi di Direttrice vuole concentrarsi proprio su questi aspetti, facendo emergere – solo la punta dell’iceberg di –  limiti e criticità dei cartoni animati, con l’obiettivo di stimolarne una visione critica.

Quindi, cara direttrice, d’ora in poi ci daremo degli appuntamenti per costruire insieme il cambiamento e spezzare le catene del genere.

Con Chiara Russo

Intro e Grafiche di Jakarta Zepponi

Un grazie speciale a Viola Mancini per l’animazione del logo e a Martina Tomassini per il logo

Montaggio: Chiara Russo e Jakarta Zepponi

Riferimenti Bibliografici

[1] Chen, W. e Adler, J.L. (2019). Assessment of Screen Exposure in Young Children, 1997 to 2014, JAMA Pediatrics, 173(4), 391-393.

[2] Report of European Broadcasting Union (EBU), 2019

[3 Smith, S.L., Choueiti, M. e Pieper, K. (2013). Gender Bias Without Borders: An Investigation of Female Characters in Popular Films Across 11 Countries. Geena Davis Institute on Gender in Media, Media, Diversity & Social Change Initiative, University of Southern California.

[4] Berry, D. S., & McArthur, L. Z. (1985). Some components and consequences of a babyface. Journal of Personality and Social Psychology, 48(2), 312–323.

[5] The power and problem of princesses, Zara Brownless at TEDx University of Edinburgh (2018).

[6] Fought, C. & Eisenhauer, K. (2016). A Quantitative analysis of gendered compliments in Disney and Pixar films. Paper presented at New Ways of Analyzing Variation, Vancouver, Canada.

[7] Coyne, S.M., Linder, J.R., et al. (2016). Pretty as a Princess: Longitudinal Effects of Engagement with Disney Princesses on Gender Stereotypes, Body Esteem, and Prosocial Behavior in Children. Child Development, 87(6), 1909–1925.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *